Questo sito utilizza cookie e tecnologie simili.

Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo di cookie di terze parti. Per saperne di piu'

Approvo

Un progetto per le scuole: raccontare il territorio con strumenti innovativi

L’Associazione Landscapefor si propone di accompagnare le scuole interessate a partecipare al bando del MIUR per il potenziamento dell’educazione al patrimonio culturale, artistico, paesaggistico, con scadenza il 10 7 2017. (http://www.istruzione.it/pon/avviso_patrimonio-artistico.html)

L’associazione è disponibile, entro le prossime due settimane, a mettere a punto, di concerto con la scuole interessate,  progetti di conoscenza e comunicazione del patrimonio identitario e culturale locale, attraverso lo strumento innovativo di Landscapefor Atlas.  Si tratta di una piattaforma dove vengono georeferenziate su mappa le iniziative del “paesaggio attivo”, tra cui le esperienze di ricerca e di lavoro sul campo degli studenti, attinenti la conoscenza della città, del territorio e della loro storia socioeconomica, culturale e artistica.

Con Landscapefor Atlas si aiutano gli studenti a imparare a raccontare il territorio, ricercando materiali multimediali di documentazione dei luoghi, dei beni culturali e ambientali, delle attività, e redigendo una mappa dove poterli vedere in modo ordinato e spiegato, fruibile direttamente dal web[1].

Vedi https://cloud.landscapefor.eu/public.php?service=files&t=1d39bed686822901b89c0ca35db7805b

Il modello formativo è già stato testato in una esperienza di Alternanza scuola-lavoro con 6 classi di liceo scientifico e istituto tecnico professionale di Torino (I.Avogadro) e Nichelino (I.Erasmo da Rotterdam), nel 2017, con buoni risultati: un’antologia dei punti di interesse preparati dagli studenti è online sul sito.

Gli studenti hanno imparato ad utilizzare il software di redazione di Atlas Landscapefor e hanno progressivamente descritto un centinaio di punti di interesse dei quartieri vicini alle rispettive scuole, inserendo oltre 1000 documenti iconografici e video in una parte dell’Atlante ad essi riservata.

Infatti il principio base di Landscapefor Atlas è la descrizione attraverso immagini e video, accompagnati da una breve didascalia. La sequenza delle immagini, a partire dall’inquadramento nel contesto, alla storia, ai progetti, agli eventi, alle interpretazioni artistiche, viene organizzata fino a costituire un racconto dei luoghi, che documenta su aspetti non immediatamente leggibili e aggiunge spunti emozionali per il visitatore.

Per il bando MIUR il progetto viene orientato su luoghi e attività territoriali definite di concerto con la scuola partecipante.  Il modello organizzativo più efficace coinvolge 2 classi, per circa 40/50 studenti, con 3 moduli da 30 ore nel corso dell’anno scolastico (ed eventualmente di alcuni giorni di quello successivo). 

Il contributo del ministero per progetti di questo tipo è, ove approvati, dell’ordine di 15000 € per la parte di docenza (che viene svolta da Ass.Landscapefor) e altrettanto per la parte gestionale (attività dell’Istituto).

I moduli fanno riferimento ai temi, scelti tra quelli indicati dal Miur:

·         accesso, esplorazione e conoscenza anche digitale del patrimonio; 


·         conoscenza e comunicazione del patrimonio locale, anche in lingua straniera; 


·         sviluppo di contenuti curricolari digitali con riferimento al patrimonio culturale

In termini organizzativi, all’inizio di ciascun modulo si spiega, con incontri in aula, il tema, l’obiettivo della ricerca, il funzionamento e le regole di LandscapeforAtlas. Si forniscono i materiali cartografici e bibliografici di base e si verifica l’avanzamento del lavoro. Per il resto gli studenti, in gruppi di tre, lavorano prevalentemente in modo autonomo, con la ricerca di materiali e l’inserimento in Atlas, assistiti in aula da personale della scuola, e a distanza, via web, dai tutor dell’associazione Landscapefor con una chat di dialogo immediato e una finestra dedicata a ciascun gruppo, in cui si verifica il lavoro svolto e inserito sull’Atlante.

Il lavoro di ogni studente è rendicontato analiticamente, attraverso il controllo dei suoi accessi al programma, del volume, della qualità dei documenti inseriti e della loro organizzazione.

Per le scuole interessate l’Associazione Landscapefor si rende disponibile a concordare i temi e l’organizzazione del progetto in una riunione da tenere entro la fine di giugno, a redigere il progetto e ad assistere il suo invio telematico al MIUR da parte del dirigente scolastico.

 



[1] Per provare vedi il sito <atlas.landscapefor.eu> e per approfondire

http://www.ilgiornaledellefondazioni.com/content/landscapefor-atlas-uno-strumento-il-paesaggio-attivo